IL CIBO TRA NECESSIT└, CONDIVISIONE E OSTENTAZIONE
DALLA PREISTORIA ALL'ET MODERNA
conferenza di Cinzia Cavallari e Anna Stanzani
Home - Mostre e appuntamenti - Archivio mostre - Conferenze maggio 2019
 

venerdý 10 maggio 2019, ore 20,15

Il cibo tra necessitÓ, condivisione e ostentazione dalla Preistoria all'etÓ moderna

Tutto quello che avreste voluto sapere sul cibo, dalla Preistoria al XIX secolo: dall'archeologia culinaria alla simbologia della preparazione, rituali e curiositÓ sull'uso e l'evoluzione del cibo, elemento di condivisione per eccellenza

Il cibo tra necessitÓ, condivisione e ostentazione dalla Preistoria all'etÓ moderna

MAF, Museo Archeologico "Tobia Aldini", Piazza Fratti 5 a Forlimpopoli (FC)

Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti

Dal 3 al 24 maggio, il MAF Museo Archeologico "Tobia Aldini" di Forlimpopoli propone il ciclo di quattro conferenze "Conversazioni al MAF Primavera 2019"  curate da Silvia Bartoli e Mirko Traversari. In concomitanza con la mostra uniCIBO, Storia di cibo dal Neolitico al Paleolitico, ospitata nelle sale del museo, le conferenze sono dedicate al tema del cibo  dell'alimentazione nel mondo antico con l'intento di offrire diversi punti di vista e, perchŔ no?, nuovi spunti di riflessione.
Nell'ambito dell'iniziativa l'archeologa Cinzia Cavallari e la storica dell'arte Anna Stanzani, entrambe funzionarie della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Bologna ripropongono i temi della conferenza sull'alimentazione tenutasi nella sede della soprintendenza nel settembre 2018, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio: un percorso per immagini commentate sullĺalimentazione e la "liturgia" dei pasti.
Nel corso della Preistoria, da un'economia basata sulla caccia e la raccolta dei frutti spontanei si passa, a seguito della scoperta dell'agricoltura e dell'allevamento, a un cambiamento radicale: di fatto il focolare domestico diventa simbolo di famiglia e di comunitÓ. L'alimentazione accompagna la storia dell'uomo in tutte le sue sfaccettature, tra necessitÓ di sostentamento a strumento di ostentazione di stato sociale. Pasti frugali, banchetti sontuosi in etÓ romana e medievale, mutazioni del gusto, mode, sfruttamento delle risorse naturali, cucine, vasellame da mensa e contenitori per la cottura e la conservazione dei cibi costituiranno un'originale chiave di lettura per comprendere l'evoluzione delle societÓ antiche, medievali e post-medievali.
Per l'etÓ moderna, si aprirÓ una finestra particolare: quali sono i cibi e le suppellettili messi in tavola dai pittori? E quali sono le occasioni principali per rappresentare il cibo e i temi conviviali? Banchetti sacri e profani, cucine e osterie, nature morte e mercati saranno il filo conduttore di un viaggio nella civiltÓ della tavola.

La serata Ŕ promossa dal MAF Museo Archeologico di Forlimpopoli, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la cittÓ metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara
Tutte le conferenze si tengono nella sala delle anfore del MAF e sono a ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti

info 0543 748071  (venerdý 9-13, sabato e domenica 10-13 e 15.30-18.30)
info@maforlimpopoli.it
www.maforlimpopoli.it

Conversazioni di primavera

Gli altri incontri del ciclo "CONVERSAZIONI AL MAF"
A cura di Silvia Bartoli e Mirko Traversari

Venerdý 3 maggio ore 20:30
La domesticazione dei vegetali: il cambiamento dell'alimentazione dell'uomo attraverso l'Archeobotanica
Marialetizia Garra, paleobotanica - DANTE - Diet and Ancient Technology Laboratory, La Sapienza UniversitÓ di Roma

Venerdý 17 maggio ore 20:30
CRUDO, COTTO, CUCINATO. Pratiche alimentari fra natura e cultura
Massimo Montanari, storico - UniversitÓ degli Studi di Bologna - Alma Mater, presidente Comitato scientifico Casa Artusi

Venerdý 24 maggio ore 20:30
Dieta, clima e infezioni nel passato: che ereditÓ nel presente degli Italiani?
Donata Luiselli, antropologa - Dipartimento di Beni Culturali, UniversitÓ degli Studi di Bologna - Alma Mater, Campus di Ravenna

 


Pagina a cura di Carla Conti