n. 59ENERGIE DIFFUSE. EMILIA-ROMAGNA UN PATRIMONIO DI CULTURE E UMANITÀ
Le iniziative della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Bologna
nell'ambito dell'iniziativa regionale EnERgie Diffuse
Home - Mostre e appuntamenti -Mostre ed eventi in corso -  Carpi (MO) e Bologna, 11 e 13 ottobre
 

Logo EnERgie Diffuse

La Soprintendenza Archeologia belle arti e paesaggio di Bologna aderisce a EnERgie Diffuse, settimana di promozione della cultura in Emilia-Romagna organizzata dalla Regione, con due iniziative a Carpi e Bologna

CARPI (MO)
Castello dei Pio
Piazza Martiri n. 59

Giovedì 11 ottobre 2018, dalle ore 17 alle 20

Storia ed evoluzione di Palazzo Castelvecchio, dai Pio ai giorni nostri
Dagli scavi al progetto di valorizzazione

Palazzo dei Pio e Chiesa della Sagra

La Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara e il Comune di Carpi promuovono un incontro per presentare a cittadini e turisti gli esiti delle indagini archeologiche effettuate nel Palazzo Castelvecchio.
L'archeologa della Soprintendenza che ha diretto lo scavo, Sara Campagnari, illustrerà gli importanti rinvenimenti che consentiranno di precisare le conoscenze sul tessuto insediativo carpigiano in epoca tardomedievale e rinascimentale.
L'incontro fornirà anche l'occasione per parlare dell'evoluzione del palazzo sotto il profilo storico-architettonico grazie ai contributi della Direttrice dei Musei di Palazzo dei Pio, Manuela Rossi, e di altre due funzionarie della soprintendenza, la storica dell'arte Elena Marconi  e l'architetto Emanuela Storchi.

Infine, alle ore 19, visita guidata al Palazzo dei Pio, per conoscere la fase più antica dell'edificio, e alla Chiesa della Sagra, a cura dei Musei di Palazzo dei Pio, e concomitante attività didattica per i bambini

Info e prenotazioni: segreteria dei Musei di Palazzo dei Pio 059 649955

La partecipazione all'iniziativa dà diritto agli iscritti all'Albo degli Ingegneri al riconoscimento di n. 3 crediti formativi professionali

BOLOGNA
Palazzo Ancarano, sede della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara
Via Belle Arti n. 52

Sabato 13 ottobre 2018, dalle ore 9,30 alle 12,30

Chi rompe non paga (e i cocci sono i nostri)
Vieni da noi, gioca, impara: iniziativa per i più piccoli

È obbligatoria la prenotazione fino a esaurimento posti di max 10 bambini per turno:
I° turno ore 9.30-11, II° turno ore 11-12.30 
Le prenotazioni si ricevono dal 27 settembre al 10 ottobre compreso a sar-ero.biblioteca@beniculturali.it

materiali in corso di scavo

Nell'ambito dell'Open Day di EnERgie Diffuse (13 e 14 ottobre 2018), la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara propone un'iniziativa ludico didattica per bambini dai 6 agli 11 anni spalmata su due turni, il primo dalle 9.30 alle 11 e il secondo dalle 11 alle 12.30.

Una mattina da “archeologo in erba” all’insegna del divertimento, con attività di ricerca cocci, prima pulitura e ricomposizione dei frammenti recuperati sotto la guida di Siriana Zucchini e con l’aiuto dei restauratori della Soprintendenza Mauro Ricci, Virna Scarnecchia, Micol Siboni e Monica Zanardi.
Per questo "gioco" sarà predisposto un contenitore riempito con terreno, frammenti di ceramica, ossa ecc. per ricostruire un sito archeologico e simulare con i bambini uno scavo con archeologi e restauratori. Saranno affrontate in maniera stimolante e divertente le varie fasi del recupero dei reperti, la documentazione fotografica e grafica e il  primo “restauro” degli oggetti rinvenuti.
I bambini dovranno essere muniti di guanti in lattice o da giardino per operare in sicurezza durante tutte le fasi di lavoro.

Disegno di Maria Agnese Mignani

Max 10 bambini per turno, prenotazione obbligatoria dal 27 settembre al 10 ottobre compresi a
sar-ero.biblioteca@beniculturali.it

Invitiamo i bambini a portare con sé guanti in lattice o da giardino
info 051 223773  referenti Mauro Ricci e Siriana Zucchini

 


Logo EnERgie Diffuse

Promuovere la diversità culturale, il dialogo interculturale e la coesione sociale, rafforzare il contributo del patrimonio culturale dell’Europa alla società e all’economia attraverso la capacità di sostenere i settori culturali e creativi, comprese le piccole e medie imprese, promuovendo lo sviluppo e il turismo sostenibili. Sono questi i valori di fondo della designazione del 2018 quale “Anno europeo del patrimonio culturale”. Anche la Regione Emilia-Romagna ha aderito all’iniziativa del Parlamento europeo organizzando nel 2018 una settimana di promozione della cultura in Emilia-Romagna al fine di valorizzare e promuovere il patrimonio e le attività culturali e sviluppare la conoscenza e la partecipazione della cittadinanza alle manifestazioni culturali del proprio territorio che, grazie ad una fitta e diffusa rete di energie pubbliche e private, ha saputo mettere la cultura al centro anche delle proprie scelte strategiche.
Quella stessa rete di energie diffuse è chiamata oggi, in occasione dell’Anno europeo del patrimonio culturale, ad ampliare i suoi obiettivi per promuovere il sistema culturale regionale e le sue specificità di sistema diffuso e policentrico,  valorizzare i più recenti interventi legislativi nei settori del cinema, della Memoria e della musica, affermare la cultura, il patrimonio culturale e la creatività come veicoli e strumenti di coesione sociale, integrazione, sviluppo economico e rigenerazione urbana, e rafforzare il senso di comunità degli attori delle politiche culturali assieme agli operatori e alle operatrici culturali e della creatività.
Al centro di questo pensiero c’è quindi l’idea della comunità e delle sue competenze diffuse e per questo il simbolo è identificato da cerchi/atomi che ruotano intorno a una forma stilizzata che simboleggia la Regione Emilia-Romagna. La loro varietà cromatica intende sottolineare le diverse identità culturali e lo slogan vuole richiamare l’importanza di una rete diffusa di energie che si basa su un patrimonio prodotto dall’impasto di cultura e umanità.

 


L'iniziativa EnERgie Diffuse è promossa dalla Regione Emilia-Romagna
coordinamento programma https://www.emiliaromagnacreativa.it

segreteria organizzativa e info
energiediffuse@regione.emilia-romagna.it

pagina a cura di Carla Conti